Preparazioni Homemade: 3 regole da cui partire

copertina-articolo-espresso
Espresso perfetto? Il segreto è nella mano dell’operatore
21 Settembre 2020
storia-dei-cocktail
La Storia dei Cocktail
29 Settembre 2020

Preparazioni Homemade: 3 regole da cui partire

homemade

Uno dei nostri corsi avanzati, il corso di Homemade & Bitter si concentra esclusivamente sulle preparazioni homemade, ovvero preparazioni artigianali di alta qualità, dalle sode personalizzate agli sciroppi. 

Sì, perché una buona disinvoltura del bartender di fronte a ingredienti inediti e a ricette inusuali, permette di mettere in risalto la sua vera capacità creativa, dandogli l’inestimabile potere di realizzare drink unici, autentici e con “quel tocco in più”. Il tutto, riducendo il drink cost e accorciando la linea di lavoro. 

Vediamo ora le 3 regole da cui partire quando ci si approccia al mondo delle preparazioni artigianali.

 

Regola numero 1: conoscenza approfondita dei prodotti 

Per realizzare una preparazione homemade con successo, è necessario indagare sulle caratteristiche gustative dei prodotti che utilizziamo, per sfruttare le note di ciascun ingrediente e creare un gusto finale per lo meno gradevole. E’ quindi bene conoscere non solo la provenienza di erbe e spezie, ma anche l’origine e le tecniche di produzione dei distillati che utilizziamo, nonché l’attrezzatura giusta per quel preciso tipo di preparazione homemade. 

 

Regola numero 2: sperimentare

Se abbiamo deciso d’intraprendere la strada dell’homemade è per non limitarci alla semplice cultura storica e statica del bartending, ma continuare a crescere e ad accrescere la nostra consapevolezza dietro il banco del bar. Per questo è necessario fare molti esperimenti, farsi trasportare dai sapori e ricercare quell’armonia di gusti che non troviamo sui ricettari. 

 

Regola numero 3: attenzione alle normative

Gli homemade possono essere un punto forte del nostro locale, ma è necessario prestare attenzione alle normative (molto rigide) vigenti in Italia. 

Dal punto di vista igienico sanitario, infatti, è necessario che l’esercente presenti alle autorità sanitarie competenti un Piano di Autocontrollo, ovvero un documento di carattere sanitario e del lavoro nella quale viene specificato l’utilizzo della materia prima (compreso l’alcol), le modalità di  preparazione e le tecniche di conservazione dei prodotti primari utilizzati con relativa etichettatura, tipo di manipolazione, trasformazione e somministrazione degli stessi.


Se volete scoprire il mondo dell’homemade, queste sono le nostre prime 3 indicazioni. Al nostro corso di Homemade & Bitter non solo approfondiremo l’argomento, ma ci metteremo finalmente all’opera, realizzando tante preparazioni artigianali e sperimentando con nuovi e inediti ingredienti. 

 

Se nel frattempo volete dare un’occhiata ai nostri articoli sulle preparazioni homemade, potete cliccare direttamente qui sotto: 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Inizia chat
Vuoi informazioni sui nostri corsi?
Ciao, se vuoi informazioni sui nostri corsi non esitare a scriverci 🍹