Sciroppo alla lavanda artigianale: come prepararlo

americano-cocktail
Americano: noi la vediamo così
3 Giugno 2020
ginger-beer
Come preparare la Ginger Beer
23 Giugno 2020

Sciroppo alla lavanda artigianale: come prepararlo

sciroppo-alla-lavanda

Lo sciroppo alla lavanda è un grande jolly in miscelazione, gradito a sempre più palati, molto facile e veloce da realizzare e dal costo assai basso. In questo articolo, vi spiegheremo come realizzarlo.

 

Preparazione home-made dello sciroppo alla lavanda

Attrezzatura

Per realizzare lo sciroppo alla lavanda, sarebbe opportuno avere una piastra ad induzione da 2,5 w con relativo pentolino, 2 caraffe graduate, 1 cucchiaio, 1 colino e una garza. 

Ingredienti

  • 10 g fiori secchi di lavanda
  • 300 ml di acqua
  • zucchero semolato

Procedimento

  • Inserire l’acqua nel pentolino e settare la temperatura a 80°
  • Raggiunta la temperatura, inserire i fiori secchi di lavanda, facendo attenzione che non aderiscano mai alle pareti del pentolino: si rischierebbe di dare all’infuso un sentore di tostato assolutamente non gradevole.
  • Inserire il timer per l’infusione a 3 min;
  • Scaduti i 3 min, filtrare schiacciando bene i fiori e misurare in una delle 2 caraffe graduate il composto ottenuto (tecnicamente, un infuso di lavanda);
  • Nell’altra caraffa o su una bilancia pesare il volume dello zucchero, che dovrà essere doppio rispetto al volume dell’infuso;
  • Realizzare lo sciroppo (vedi qui come).

 

Costo dello sciroppo alla lavanda home-made

I prezzi sono al dettaglio, quindi possono solo diminuire se effettuate grandi acquisti. 

  • 10 g di lavanda: 60 cent (€6 ogni 100 g)
  • 600 g di zucchero: 60 cent 
  • = 1,2 euro + acqua 

 

Modalità di utilizzo

Lo sciroppo alla lavanda, è ottimo nell’aviation, fantastico per aromatizzare le orzate artigianali e molto buono per realizzare sode artigianali. 

 

Se ti appassionano le preparazioni home-made e vuoi imparare con noi come realizzarle, iscriviti ai nostri corsi HOME-MADE&BITTER, o MIXOLOGY. Ti aspettiamo in aula 😉

E per ricevere ogni settimana nuovi articoli sul mondo del Bartending e della Caffetteria, iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares