le marasche per il maraschino
Il Maraschino
19 Febbraio 2020

Tre semplici ingredienti per un sapore unico. Il Moscow Mule è un cocktail a base di vodka, ginger beer e lime. È fresco, dissetante e pungente, data la presenza dello zenzero. Il sapore di questo amatissimo long drink è inconfondibile, ma la storia di come è nato non è così conosciuta.

La storia

Nel 1934, Rudolph Kunett comprò da Vladimir Smirnoff e dallo Stato americano i diritti per la ricetta della Vodka Smirnoff e per l’utilizzo del marchio di fabbrica, aprendo la American Smirnoff Distillery in Bethel, Connecticut.

Nel 1939 la distilleria fu rivenduta alla Hublein Company di John Martin, distributore di vodka che riscontrò subito dei grandi problemi nel convincere il popolo americano a bere vodka russa Smirnoff, associata all’Unione Sovietica.

Negli stessi anni, un ristoratore di Los Angeles e produttore di bibite, John A. Morgan, tornò da un viaggio in Inghilterra, nel corso del quale si era perdutamente innamorato della birra allo zenzero. Non essendo ancora presente nel mercato statunitense, Morgan ordinò una scorta di ginger beer direttamente dall’Inghilterra. 

Nel 1941 Morgan incontrò i suoi amici Martin e Kunett al bar del Chatham Hotel di New York. Lì i tre si fermarono davanti ad un enorme bicchiere di vodka, unito a due once di ginger beer e a una strizzata di lime, il tutto servito in una tazza di rame con del ghiaccio. Qualche anno dopo quel cocktail prese il nome di Moscow Mule, per un numero infinito di significati.

Nell’operazione di marketing classica, la tazza di rame, in rottura coi drink del passato, è nata da pezzi di recupero portati da un’amica di Morgan.  

“Moscow” è un chiaro riferimento alla Russia e alla vodka. Il nome, nel suo complesso, viene tradotto come “il mulo di Mosca” o “il calcio del mulo”, per richiamare il gusto pungente della ginger beer.

Il nome stesso, come la tazza di rame, è stato una grossa operazione di marketing. Vennero ordinate speciali tazze di rame incise con cui i barman vennero invitati a posare, insieme a una bottiglia di Vodka Smirnoff. Martin li fotografava, lasciava una copia della foto al bar e le altre le utilizzava nella sua campagna contro i concorrenti: in questo modo dimostrava che i barman utilizzavano la sua vodka e faceva conoscere il Moscow Mule.  

La ricetta del Moscow Mule

Ultimamente sono nate numerose varianti del Moscow Mule. Quella originale, però, prevede l’utilizzo di soli tre ingredienti: vodka, ginger beer e lime.

Questa è la ricetta IBA 2011:

  • 1 ½ oz vodka 
  • 4 oz Ginger beer 
  • ¼ oz succo di lime 

La buccia del lime va lasciata spremuta nel drink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *